7 settembre 1912

Nasce a Pirano (Istria) da Giovanni e Luigia Busdon; secondogenito di sette figli.

15 settembre 1912

Riceve il battesimo nel Battistero di San Giovanni, con il nome Francesco Giovanni.

1 ottobre 1922

Riceve il sacramento della Cresima.

Settembre 1924

Entra nel piccolo Seminario di Capodistria dove conclude gli studi liceali.

24 dicembre 1931

Il padre muore.

30 agosto 1932

Viene ammesso al Seminario teologico centrale di Gorizia.

26 ottobre 1936

Nella cappella del Vescovado di Trieste viene ordinato suddiacono dal vescovo mons. Luigi Fogar.

19 novembre 1936

Nella chiesa metropolitana di Gorizia viene ordinato diacono.

27 dicembre 1936

Nella Cattedrale di San Giusto viene ordinato sacerdote da mons. Margotti.

3 gennaio 1037

Nel Duomo di San Giorgio a Pirano celebra la sua prima Messa.

1 aprile 1937

Viene nominato cappellano a Cittanova dove principalmente si occupa dei giovani e fonda l’Azione Cattolica.

1 agosto 1939

Viene trasferito a Villa Gardossi-Crassiza dove svolge la sua missione come cappellano esposto, dipendendo dalla parrocchia di Buie. Qui crea una vera comunità attraverso la catechesi, la vita liturgica, la formazione soprattutto dei giovani, la cura dei malati e dei poveri; costituisce il piccolo clero, una filodrammatica e la biblioteca. Costituisce l’Azione Cattolica nei diversi rami, iniziando dai giovani.

La sua vita totalmente donata al suo ministero sacerdotale fa di lui un ostacolo per coloro che volevano allontanare il senso religioso dal cuore della gente.

11 settembre 1946

Sulla strada del ritorno da Grisignana venne fermato e fatto sparire. Il suo corpo non venne mai ritrovato. Da diverse testimonianze si sa che egli fu vero testimone di Cristo.

11 marzo 1957

Il vescovo di Trieste mons. Antonio Santin apre il processo informativo e costituisce il Tribunale per l’avvio della Causa di Beatificazione.

12 dicembre 1995

Il vescovo di Trieste mons. Lorenzo Bellomi con suo decreto istituisce un nuovo Tribunale diocesano.

22 marzo 1998

Nella Cattedrale di San Giusto, sotto la presidenza del nuovo vescovo di Trieste mons. Eugenio Ravignani, con l’ultima solenne seduta pubblica del Tribunale, si chiude la fase diocesana del processo canonico.

3 luglio 2008

Papa Benedetto autorizza la Congregazione delle cause dei Santi emette il decreto per la Beatificazione del Servo di Dio don Francesco Bonifacio, quale martire di Cristo, ucciso in odium fidei l’11 settembre 1946.

4 ottobre 2008

Nella Cattedrale di San Giusto a Trieste don Francesco Bonifacio viene solennemente proclamato Beato.